Tendenze turisticheScary destinations: i 15 luoghi più spaventosi del mondo

North Yungas Road, Bolivia

Il percorso da La Paz a Coroico, in Bolivia, è di quelli insidiosi: la North Yungas Road si muove attraverso la foresta pluviale amazzonica a più di 4 chilometri e mezzo. Se pensiamo all’altezza spaventosa, per non parlare della corsia unica larga 3 metri e mezzo, della mancanza di guardrail e della visibilità limitata a causa della pioggia e della nebbia, è facile capire perché questo tratto di autostrada di 80 chilometri si sia guadagnato il soprannome “The Death Road”. La North Yungas Road in passato contava abitualmente da 200 a 300 morti all’anno, oggi è diventata più che altro una destinazione per avventurosi appassionati di mountain bike.

Nagoro, Giappone

Nagoro è un piccolo villaggio giapponese con una caratteristica davvero notevole: una popolazione di bambole a grandezza naturale che supera di gran lunga la popolazione umana. I residenti-giocattolo sono opera di Tsukimi Ayano, che ha iniziato a fare copie di bambole dei suoi vicini dopo la loro morte o quando si trasferivano altrove. Gli inquietanti doppioni possono essere visti in varie posizioni in città, pescatori seduti sulla sponda del fiume, studenti che riempiono intere aule, coppie anziane che riposano su panchine fuori dagli edifici. Ora a Nagoro ci sono circa 350 bambole e meno di 40 umani che respirano, il che rende la città un giocattolo eccentrico e alquanto terrificante.

Hill of Crosses, Lituania

Un numero abnorme di croci campeggia in questo luogo nel nord della Lituania a partire dal XIV secolo, e per vari motivi: durante tutto il periodo medievale, le croci espressero il desiderio dell’indipendenza lituana. Poi, dopo una rivolta contadina del 1831, la gente cominciò ad aggiungerle al sito in memoria dei ribelli morti. La collina divenne un luogo simbolo ancora una volta durante l’occupazione sovietica dal 1944 al 1991. La collina e le croci furono demolite dai sovietici tre volte, ma i locali continuarono a ricostruirla. Ora ci sono più di 100.000 croci che si affollano lì, scontrandosi nella brezza come inquietanti campanelli.

Bare sospese di Sagada, Filippine

Se vuoi far visita ai morti a Sagada, dovrai alzare gli occhi al cielo, anziché rivolgerli verso la terra. Le persone di questa regione sono famose per l’abitudine di seppellire i loro morti in bare attaccate ai lati delle scogliere, come una sezione aerea del cimitero. La tradizione risale a migliaia di anni fa: intagli la tua bara, muori e vieni issato vicino ai tuoi antenati. Molte delle bare della scogliera hanno centinaia di anni e sono tutte completamente diverse l’una dall’altra, perché sono state fatte appositamente dalla persona che ora riposa al loro interno.

Ospedale Beelitz-Heilstätten, Beelitz, Germania

Se questo vecchio ospedale tedesco sembra inquietante, beh, lo è. Tra il 1898 e il 1930, il complesso di Beelitz-Heilstätten fungeva da sanatorio per la tubercolosi. Ospitò anche vittime di gas e mitragliatrici durante la prima guerra mondiale, tra cui un giovane soldato di nome Adolf Hitler, che era stato ferito a una gamba. In seguito, l’ospedale divenne un importante centro di cura per i soldati nazisti durante la seconda guerra mondiale e fu utilizzato come ospedale militare sovietico dal 1945 fino alla caduta del muro di Berlino. Oggi alcuni reparti ospedalieri sono utilizzati come centro di riabilitazione neurologica, sebbene la maggior parte del complesso sia abbandonata. La chirurgia e i reparti psichiatrici sono stati entrambi lasciati al degrado e lasciano il posto alla natura (e ai vandali).

The Great Blue Hole, Belize

Situata a circa 10 chilometri al largo della costa del Belize, la Lighthouse Reef vanta bellissimi coralli e acque turchesi poco profonde e… un dislivello che supera i 120 metri di profondità. È il Great Blue Hole, un inghiottitoio perfettamente circolare di circa 300 metri al centro dell’atollo. I sommozzatori si affollano sul luogo per assistere allo spettacolo unico, che include imponenti stalattiti e stalagmiti sottomarine che si sono formate durante l’ultimo periodo glaciale. La formazione di calcare che circonda la grotta verticale si trova a circa 12 metri sotto la superficie, un salto dritto verso l’ignoto. Per apprezzare quanto sia incredibile questa esperienza, dai un’occhiata al video virale del campione del mondo Guillaume Nery che si tuffa direttamente nel Blue Hole.

L’isola delle bambole, Xochimilco, Città del Messico

Nonostante la sua storia e il suo status di sito Patrimonio dell’Umanità, Xochimilco è conosciuta principalmente da turisti più morbosi per la sua Isla de las Munecas, o l’Isola delle Bambole. Nascosto tra i numerosi canali della zona, il sito è famoso per le centinaia di bambole e parti di bambole appese agli alberi e sparpagliate tra l’erba. Anche se sembra più un set di un film dell’orrore che altro, il chinampa (simile a un’isola artificiale) era la residenza di un uomo defunto di nome Julian Santa Barrera. Dopo aver trovato il corpo di una ragazza morta in un canale vicino, Barrera raccolse ed espose i giocattoli nella speranza di allontanare gli spiriti maligni. Le anime audaci possono noleggiare una barca, cercare di convincere l’autista a fare una visita e vederla in modo sicuro dall’acqua.

Catacombe dei Cappucini, Palermo

Di tutte le catacombe del mondo, da Salisburgo a Parigi, nessuna è tanto inquietante quanto le Catacombe dei Cappucini siciliane. Lo spazio macabro fu creato nel tardo XVI secolo. Originariamente, i monaci dovevano essere gli unici residenti delle catacombe, ma una volta che divennero noti i processi naturali di mummificazione che venivano praticati qui, divenne subito uno status symbol per i cittadini locali possidenti quello di provare a guadagnarsi un posto eterno (nei loro migliori vestiti, ovviamente ). Per questo motivo, le tombe sotterranee ora contengono circa 8.000 corpi suddivisi in corridoi separati, tra cui uno per le figure religiose, uno per gli uomini professionisti, uno per i bambini e anche uno per le vergini. I cadaveri sono esposti come l’esposizione di un museo, vestiti a festa e disposti in modo grottescamente realistico.

Cristo degli Abissi, San Fruttuoso, Italia

Sebbene ci siano diverse versioni della stessa statua di Gesù sparse sul fondo dell’oceano, la versione originale si trova nel Mar Mediterraneo al largo della costa di San Fruttuoso. La statua alta due metri fu commissionata dal tuffatore italiano Duilio Marcante nel 1954. Marcante voleva mettere una specie di memoriale nel punto esatto dove morì il suo amico Dario Gonzatti mentre si tuffava qualche anno prima. Il risultato è vagamente inquietante, specialmente per le braccia allargate della divinità e lo sguardo verso l’alto. Le alghe e la corrosione non fanno che aumentare l’effetto, sebbene la statua sia stata temporaneamente rimossa nel 2003 per alcuni restauri (inclusa la sostituzione di una mano che un’ancora aveva rotto). Indipendentemente dal fatto che qualcuno trovi il monumento inquietante o affascinante (o entrambe le cose), vale sicuramente la pena di fare un tuffo di 17 metri per scattare un selfie sott’acqua con Gesù.

Foresta di Aokigahara, Prefettura di Yamanashi, Giappone

Questa foresta apparentemente tranquilla ai piedi del monte Fuji ha una storia estremamente tormentata. Nota come “Foresta del suicidio“, Aokigahara è il secondo sito al mondo per suicidi (dopo il Golden Gate Bridge): solo nel 2010, 247 persone hanno tentato di togliersi la vita e 54 di loro ci sono riuscite. Alcuni incolpano di questo fenomeno l’associazione tra la foresta e i demoni della mitologia giapponese. Altri puntano verso la densità degli alberi, che soffoca il suono e rende estremamente facile perdersi. Molti escursionisti segnano il loro percorso con un nastro o una corda per facilitare la risalita. Questo, combinato con l’aspersione di vestiti e lettere in tutto il labirinto del bosco, conferisce ad Aokigahara una terrificante atmosfera tipo Blair Witch che incontra il labirinto di Cnosso, che fa davvero gelare le ossa.

Ossario di Sedlec, Kutná Hora, Repubblica ceca

L’incredibile Ossario di Sedlec è una piccola cappella situata sotto la Chiesa cimitero di Ognissanti, conosciuta in tutto il mondo per il suo arredamento macabro. All’inizio del 1300, un abate del monastero di Sedlec portò un po’ di “terra santa” da Gerusalemme e la sparse attraverso il cimitero della chiesa, e improvvisamente tutti volevano essere sepolti in quel sacro terreno. Ma la sovrappopolazione prese il sopravvento e i vecchi corpi furono dissotterrati per fare spazio a nuovi cadaveri. Gli abati decisero di usare le ossa riesumate. Un intagliatore locale ceco František Rint ebbe il difficile compito di organizzare la raccolta di oltre 40.000 resti umani in modo visivamente impressionante. Le strutture ossee includono quattro candelabri, uno stemma di famiglia e diversi stendardi di ossa che cadono dal soffitto. L’esposizione più sbalorditiva è probabilmente il massiccio lampadario della chiesa, che contiene quasi ogni osso del corpo umano.

Haw Par Villa, Singapore

Haw Par Villa è un parco a tema situato a Singapore, ma è praticamente l’esatto opposto di Disneyland. Il suo ingresso colorato di archi in stile cinese sembra abbastanza innocuo, ma in realtà entri e ti accorgi che Haw Par Villa è ricoperta da più di 1.000 statue, ciascuna più strana dell’altra. I dieci gironi dell’inferno sono le caratteristiche principali di Haw Par Villa. L’intenzione è quella di insegnare ai bambini il concetto di moralità, i diorami ritraggono severe modalità di punizione, accompagnate da un cartello che spiega il peccato che ha giustificato tali punizioni. Troverai gente tagliata a metà da una sega gigante (reato: uso improprio dei libri), smembrata (crimine: barare sugli esami), o gettata su una collina di coltelli (crimine: strozzinaggio).

Pripyat, Ucraina

Se mai esistesse un premio dedicato ai luoghi abbandonati più misteriosi di tutto il mondo, allora andrebbe di diritto a Pripyat. Fondata nel 1970, la città aveva raggiunto una popolazione di quasi 50.000 persone quando fu completamente evacuata dopo il disastro di Chernobyl nel 1986. Pripyat è rimasta una città disabitata dopo l’evacuazione, sebbene gli edifici, i mobili e tutti gli altri segni di vita siano esattamente dove i suoi ex cittadini li hanno lasciati. Libri devastati dalle intemperie sono ancora nelle aule, le bambole in decomposizione giacciono abbandonate nei presepi e le fotografie sono ancora nelle loro cornici originali. Oggi, il punto di riferimento più famoso è la ruota panoramica del parco dei divertimenti di Pripyat, un ricordo scheletrico di ciò che era un tempo.

Poveglia, Venezia

Secondo una leggenda veneziana, quando un uomo cattivo muore, si sveglia a Poveglia. L’isola, a sud di Venezia, è ora nota come uno dei luoghi più infestati al mondo. Si ritiene che vi siano 160.000 corpi sepolti lì: vittime della peste, lebbrosi e pazienti psichiatrici. Negli anni ’20, l’isola divenne un ospedale e un centro psichiatrico, dove si praticavano tecniche crudeli e insolite, il che portava molti pazienti a suicidarsi, gettandosi dal campanile più alto. Un tempo erano i turisti in cerca di brividi e i fotografi avventurosi a visitare l’isola per uno dei viaggi notturni più spaventosi di sempre, ma l’isola è stata recentemente venduta ed è in fase di ristrutturazione. I piani per la nuova Poveglia non sono ancora stati resi disponibili, ma si dice che i nuovi proprietari stiano costruendo un hotel, aggiungendo un po’ di conforto all’isola che si dice sia fatta per metà di rovine e metà di cenere umana.

Ponte di vetro di Zhangjiajie, Cina

Il ponte con il fondo in vetro più alto del mondo è stato aperto nel 2016 a Zhangjiajie e non è per i deboli di cuore. Il ponte lungo 430 metri offre ai visitatori una vista a 300 metri di altezza sulla lussureggiante e spettacolare valle sottostante. Come se camminare non fosse abbastanza spaventoso, i visitatori nel giugno 2016 hanno assistito a un terrificante esperimento sulla sicurezza che coinvolgeva un giornalista della BBC che colpì il viale di vetro con un martello.

 

Condividi questo articolo
Il mondo è come un libro e chi non viaggia ne legge solo una pagina
Una passeggiata ad Agropoli

Una passeggiata nel centro storico di Agropoli

Cartolina da Matera

Una cartolina da MaterA